simpl 2

mercoledì 5 marzo 2014

Pinnawala elephant orphanage in Sri Lanka

Pinnawala elephant orphanage in Sri Lanka

Does anyone else, apart from Mrs Sangduen Chailert, and Elephant Nature Park in Thailand, believe its enough to "isolate" an elephant, if its postive for Tuberculosis, in a place with a +70 elephants turnover throughout the years, 16 deaths with no public autopsy reports, and apr 100 international visitors daily, included children? ENP has a very intensive physical contact between humans and elephants, including a special kiss-an-elephant event? Read Lek Chailerts statement, where she writes: "We open our park to university and international veterinarians and the government to regularly test our elephants for TB.". BUT! Thailand’s most well-known specialists on TB, a scientist from Chiang Mai University, wrote me 20th of May 2013: “They used to ask me the possibility to do the test, but after that I have heard nothing.” Lek Chailert writes: "Tuberculosis is a concern at our park, however none of our elephants has the disease" WHERE is public documentation from Thai official veterinaries that confirm that NOONE of the 70 elephants carried TB?


The Pinnawela Elephant Orphanage was started in 1975 by the Department of Wildlife on a twenty five acre coconut property on the Maha Oya river at Rambukkana. The orphanage was primarily designed to afford care and protection to the many baby elephants found in the jungle without their mothers. In most of these cases the mother had either died or been killed. In some instances the baby had fallen into a pit and in others the mother had fallen in and died. Initially this orphanage was at the Wilpattu National Park, then shifted to the tourist complex at Bentota and then to the Dehiwala Zoo.

From the Dehiwala Zoo it was shifted 1975 to Pinnawela. At the time it was shifted the orphanage had five baby elephants which formed its nucleus.It was hoped that this facility would attract both local and foreign visitors, the income from which would help to maintain the orphanage.

There are only a few elephant orphanages in the world. Pinnawela has now become one of the bigger orphanages
and is quite well known world wide.

In 1978 the Pinnawela Elephant Orphanage was taken over by the National Zoological Gardens from the Department of Wildlife and a captive breeding program launched in 1982.
(Photo from the book les animaux sauvages ; l'éléphant) The Pinnawela herd and chief mahout Samunabanda, in 1981. Not one single hotel, and only palm trees along the river. The elephants on the picture are 13; Vijaya, Neela, Hema, Mathalee, Randivi, Mahaweli, Kumari, Diula, Anuscha, Kadira, Komali, Weera (later Kandula I at the army camp), and Jadura.

When the zoo took over there were twelve animals five of whom were babies. In time more baby elephants were added to the original herd of five. It was observed that though older females could be added it was not possible to add older males to the herd.

1997 there were 52 animals of which there 10 were babies under 3 years of age. There were five mahouts for the twelve elephants when the orphanage was taken over 1978 and later there were twenty mahouts. 

Stables close to the road and the office: 1. Milkshed, where visitors can milk feed elephant babies. 2 (roofed) and 3 ar round chaining grounds. 4. stable for the blind elephant Raja. 5, 6 and 7 are stables for mixed groups. 8. for adult dangerous bulls. north of the trail leading to 6 are chaining points for bulls in musth.

The difference between the elephant orphanage in Pinnawala and 
Ath Athuru Sevena Transit Home at Uda Walawe is that at the Transit Home these baby elephants once cared for are released to the wilds when they reach a certain age.

  • 1975: 5 baby elephants

  • 1978: 12 elephants, of those 5 babies.

  • 1997: 56 elephants

  • 1998: 63 elephants.

  • 2000: 70 elephants.

  • 2003: 65 elephants.

  • 2010: 84 elephants.

Beteween 16.30 and 1800 in the evening the animals are taken to their stalls and tethered for the night.

They are then given their evening feed which is milk again for the babies and leaves for the older ones. Plenty of food and water is available.

The leaves are mainy Cocunut leaves (
Cocos nucifera), but also branches from Jackfruit
Artocarpus integra), leaves, branches and logs of Kitul palm tree (Caryoty urens),
from There is no stress or threat to the animals.

The elephants are stall fed. There is very little food material that they can gather from the premises of the orphanage except grass. Large quantities of food are brought in daily. Jackfruit, coconut, kitul, tamarind and grass form the bulk of the food given to the elephants at Pinnawela.

Each animal gets approximately 75 kg of green matter a day and in addition each gets 2kg of a food mixture containing maize, rice bran, powdered gingelly seed and minerals. They have access to water twice a day from the river Maha Oya that runs by the Orphanage.

There is one female named Sama which was brought in from the northern part of the country, where there is an ethnic conflict, with the lower part off ts front foot blown off by a land mine. This animal is growing up and is coping with that leg about six inches shorter than the other.

Breeding history

The conditions at Pinnawela are conducive to breeding.
Initially the breeding animals consisted of males Vijaya and Neela and females Kumari, Anusha, Mathalie and Komali. Upto the middle of 1998 there have been fourteen births, eight males and six females at Pinnawela, with one(1) second generation birth early 1998.

The father of the first three calves born at Pinnawela was Vijaya. It was not possible to determine the father of the next calves since many males used to mate with the females in oestrus. Now through DNA fingerprinting the fathers of three have definitely been identified.
Vijaya and Kumari have produced three calves at intervals of five and four years.

The first birth at Pinnawela was in 1984, a female, to Vijaya and Kumari who were aged 21 and 20 years respectively at the time of the birth. In 1993 Vijaya and Kumari were 30 and 29 years respectively.

There are other records of the birth of elephants in captivity in Sri Lanka but most of these are off females that had been captured after they had conceived in the wild. There are also records of tamed elephants having mated with other tamed elephants and giving birth. These are however few and far between.

The other elephant deaths in recent times are as follows with the relevant date and cause of death: Vijaya - September 11, 1999, brain cancer, Honda Kota - February 20, 1999, severe injuries to the trunk and body at the time it was handed over by the Wildlife Department, Binari - January 3, 2003, head injury and paralysis, baby elephant born to Lasanda - March 20, 2004 dashed on the ground by the mother and baby elephant of Nikini - April 22, 2004, born dead.

In 2012, 15 babies were named: Singithi, Ahinsa, Themiya, Wanamali, Nandi, Mangala, Annuththara, Jeevaka, Kadol, Isira, Bimuthi, Aithi, Gagana and foreign favourites Trinky and Elvina. Of those, thirteen babies were born 2011 and the other two in 2010.


In 1997 and 1998 research was conducted in Pinnawela through a joint venture by Institute of Wildbiology at Vienna University in Austria and the Zoological Institutes of Colombo and Peradeniya in Sri Lanka, under the supervision of Dr. Fred Kurt. Veterinary students from the Universities collected datas about body messurements and growth, food assimilation, social interactions, sleeping behaviour, tool-using, and sterotypical behaviours, later publicated in different scientific medias.



    (Asst. Curator)
    Elephant Orphanage
    Sri Lanka

    Mahout´s Names

      K.G. Sumanabanda, Senior Security Officer, (fourth generation mahout, started in Pinnawela in 1984.)
      S.D. Jayaratna
      H.A. Somaratna
      R.W.A. Gunaratne
      I.S. Mitreepala

Information provided by 
Jayantha Jayewardene, Biodiversity and Elephant Conservation Trust, 615/32 Rajagiriya Gardens, Nawala Road, Rajagiriya, Sri Lanka, Dr. Fred Kurt, Institute of Wildbiology at Vienna Veterinary University, and Wayne Jackson, Canada.

Here in Pinnawela is also the three-legged elephant Sama, who by two years of age stepped on a landmine which blew her right frotfoot away. Since then she is walking on three legs. She is now twelve and will suffer from considerable discomfort in the future due to changes in her spina, because of her annatral body position, trying to balance the body weight on three legs.

There is ambitions to train her for a specially made Prostestis, see for more information.


Fred Kurt, (1974) Remarks on the social structure and the ecology of the Ceylon elephant in Yala national Park.
IUCN Publications new series 24 (1) 618-634.

Fred Kurt and J. Kumarasinghe, (1998) Remarks on body growth and phenotypes in Asian elephant.
Ecological genetics in Mammals III, Acta Theriologica, Suppl. 5: 135-153.

Sources, among others

  • Wayne Jackson, Canada
  • Jayantha Jayewardene, Biodiversity and Elephant Conservation Trust, Rajagiriya, Sri Lanka
  • Geburt und Jugendendwicklung von Asiatischen Elefanten -Beoabachtungen aus der Pinnawela Elephant Sanctuary von Sri Lanka, Zeitschrift des Kölner Zoos, nr 2 1999, by Fred Kurt, Birgit Dastig, Sandra Petzhold, Julia Rastelli, Judith Schmelz, Verena Tragauer, Claudia Sacha.

mercoledì 19 febbraio 2014

RACCONTI SRI LANKA ...La nostra terra splendente 01/ 2014

Racconto da Turisti per Caso ...  via Web...

La nostra terra splendente

Un viaggio a cinque sensi, la meraviglia di una terra sconosciuta e che mai più dimenticheremo

  • di Elisabetta Lauritano
    pubblicato il 
  • Partenza il 
    Ritorno il 
  • Viaggiatori: Due
    Spesa: Da 1000 a 2000 

Ho atteso questo viaggio come una bambina attende il suo premio ricompensa. Desideravo visitare uno stato dell'Oriente da moltissimo tempo e la scelta dello Sri Lanka è avvenuta quasi casualmente, diciamo che lo zampino della rivista Turisti per caso c'è stato.
Appena rientrate da una vacanza meravigliosa in Africa, io e la mia fedele compagna di viaggio Simona eravamo già proiettate verso la nuova meta. Appena messo piede in casa ad attendermi c'era la vostra rivista messa in bella mostra sulla mia scrivania e all'interno un meraviglioso reportage sullo Sri Lanka. Da subito amore a prima vista e dopo un veloce consulto, esattamente un anno fa, eravamo già decise sulla nostra destinazione.
Abbiamo monitorato il volo della compagnia Srilanka Airlines per qualche mese e a settembre abbiamo acquistato un biglietto andata e ritorno a 536€, partenza da Roma diretto per Colombo.
Generalmente non viaggiamo con agenzie di viaggio, cerchiamo sempre di fare da noi per essere il più libere possibile poi sul posto e non avere schemi prefissati, ma questa volta ci siamo affidate a Bo- Mie Tours, un'agenzia che si occupa di tour solo dello Sri Lanka. Upa, il titolare, è stato estremamente gentile e preciso, ha saputo accontentarci e seguirci nelle nostre mille domande e modifiche del tour. Purtroppo sul posto non lo abbiamo potuto incontrare poiché era impegnato in un altro tour, ma consiglio l'agenzia caldamente.
Partenza il 25/01/14 da Agerola direzione Napoli e poi Roma
Il volo parte puntuale alle 15:45, viaggio tranquillo, certo non comodissimo causa i mini sedili ma tutto nella norma.
Arrivo il 26/01 a Colombo alle 05:45. Ad attenderci c'è Natashia la figlia di Upa che ci accoglie calorosamente con in dono un meraviglioso mazzo di fiori. Ci presenta alla nostra guida/autista che ci accompagnerà per i 12 giorni di tour previsti. Gamini è un ometto molto simpatico e particolarmente attento, ha reso il viaggio molto piacevole, spesso dandoci delle dritte e portandoci in posti non propriamente turistici. In alcuni momenti abbiamo avuto delle difficoltà di comunicazione causa la sua scarsa conoscenza dell'italiano e dell'inglese, ma niente di insormontabile.
Dall'aeroporto ci siamo spostate ad Anuradhapura, più di 4 ore di auto passate praticamente a dormire. Qui abbiamo soggiornato per 2 notti al Sadula Guest House. Camere essenziali ma confortevoli e pulite, lo staff molto simpatico e disponibile, sicuramente da consigliare.
Pomeriggio passato al recupero delle forze.


Sveglia presto e alle 7:00 siamo operative. Dopo la prima colazione srilankase siamo partite alla scoperta della città. Visitato tutto il sito, molto suggestivo e ricco di storia. Abbiamo pranzato in un posto abbastanza turistico, un ristorante a buffet con 1200 rupie cibo in abbondanza. Dopo alcuni giorni abbiamo capito che i buffet non facevano per noi, causa la scarsa varietà e i nostri stomaco ristretti, spesso conviene mangiare alla carte piuttosto che al buffet.
La prima giornata è stata molto intensa, tra visite ai primi siti archeologici, alle stupe, i primi incontri con i monaci, da subito cominciamo ad apprendere le differenze tra monaci e monaci e si percepisce anche la "speculazione" che se ne fa di questi posti. In Sri Lanka visitare non costa molto, i prezzi variano da un minimo di 150 rupie ad un massimo 4000 rupie a testa (1€=178rupie ca) il resto lo fanno le mance per i fiori, bracciali, le scarpe. Occhio la mancia è ben gradita per tutto!
Nel pomeriggio abbiamo visitato Minthale, luogo famoso per essere il luogo in cui fu introdotto il Buddismo. Secondo una leggenda in cui Re Tissa incontro Mahinda mandata dall'India per convertire il popolo srilankase. Il panorama è mozzafiato, ed è un complesso di caverne dove vivevano i monaci.
Rientrate in hotel, cena spettacolare, chiacchiere con Ashok, il titolare, ed il suo web designer e poi tutti a nanna


Lasciamo la città in direzione di Dambulla. Lungo la strada ci fermiamo a Aukana per ammirare il Buddha di 12 metri ricavato da un'unica roccia.
Sosta poi a Ritigala per ammirare le rovine di un luogo dove i vivevano più di 5000 monaci. Più di 2000 anni fa i monaci costruivano immensi luoghi dove vivere e meditare. Il complesso che si trova all'interno di un'immensa giungla è composto dai resti di una piscina/ vasca dove i monaci is lavavano e vari luoghi di meditazione. Durante la visita ci fa da guida un ragazzo assoldato all'ingresso del sito che alla fine riscuoterà una lauta mancia.
Dambulla abbiamo soggiornato a Nice Place, un villaggio resort. Non male, ma un tantino umido e poco luminoso. La pioggia ci ha accompagnate per tre giorni rovinando un po’ i piani.


Sveglia molto presto per fare visita alla Rocca di Sigirya. Il tempo non essendo dei migliori ci fa rimandare la visita a domani e ci dirigiamo al polonnaruwa. Città antichissima situata intorno ad uno dei tantissimi laghi artificiali, il sito è ben tenuto e curato, unica pecca le decine di venditori molto insistenti... altro che Napoli!
Programma ormai rovinato dalla pioggia, la nostra guida Gamini decide di farci un gran bel regalo e ci porta a fare visita alla sua famiglia. Questa è stata forse l'esperienza più emotiva di tutto il nostro viaggio. Giunte nel villaggio ad attenderci c'era una simpatica vecchina di 104 anni (nonna di Gamini), la madre e uno zio. Dopo il primo imbarazzo e le difficoltà di comunicazione, abbiamo cominciato a stabilire un modo per intenderci tra gesti, scritte, sorrisi e qualche parola d'inglese. In breve è diventata una vera festa, sono sbucati bimbi da tutte le stanze accompagnati dalle loro madri. Esperienza carica di emozione, persone meravigliose, gentili e calorose, ci siamo salutati con la promessa di rivederci ancora, chissà!


Visita alla rocca di Sigirya. Anche questa mattina il sole non vuole farsi vedere, così ci mettiamo in coda per accedere alla Rocca tra centinaia di turisti e tanta pioggia. Salita non troppo faticosa e interessante, giunte in vetta un panorama spettacolare ripaga gli sforzi fatti.
Gita al lago, con antipasto in una capanna di contadini, giro in tuktuk e pranzo in un altro ristorante di contadini. Ottimo ma poco abbondante.
Nel pomeriggio primo safari con avvistamento di un branco di una 40ina di elefanti.


Lasciamo Dambulla per dirigerci a Kandy. Dopo una visita alle grotte della città di Dambulla, proseguiamo per la città di Kandy, dove facciamo un giretto intorno al lago, ovviamente artificiale e poi ci dedichiamo al primo shopping.. un consiglio: se siete interessati alle sciarpe di seta acquistate le qui perché in tutte le altre città non ve ne sarà traccia, il prezzo tra l'altro è dei migliori: 1300 rupie, spesso trattabili!
Nel pomeriggio abbiamo assistito ad uno spettacolo di danze tradizionali e poi abbiamo visitato il Suggestivo Tempio del Dente.
A Kandy abbiamo soggiornato a the Change, che è stato il nostro posto preferito in assoluto, carino, confortevole nonostante la scarpinata per raggiungerlo, staff simpaticissimo che ci ha insegnato un trucchetto per ovviare ai noiosi adattatori, lo consigliamo caldamente a tutti...


Un'intera giornata dedicata a questo posto pieno di meravigliosi animali. Prima li abbiamo ammirati mentre facevano il bagno, poi alla poppata, al pascolo, all'intrattenimento dei turisti. Qui vengono accolti tutti gli elefanti abbandonati dalle madri, vengono curati e nutriti sotto gli occhi di tutti i bravi turisti.


Giornata tranquilla e quasi priva di eventi, se non fosse per la splendida idea di farerafting. Questa è l'unica zona dell'intera isola in cui è possibile cimentarsi in questo sport, e noi alla nostra prima esperienza ci lanciamo giù dal fiume. Location incantevole è dire poco, tra risate e qualche livido possiamo finalmente spuntare anche questa follia dalla lista.
Da qui poi ci spostiamo al luogo più vicino per poi scalare il famoso Picco Di Adamo. Per la notte soggiorneremo al Slighly Chilled, posto carino e funzionale per il nostro obiettivo. La sera a letto presto per poi affrontare il punto cruciale del viaggio.


Sveglia ore 00.10, imbacuccate con pile, sciarpe e cappelli, ci apprestiamo a compierà la nostra grande impresa. Dopo 4 ore di cammino, 5000 scalini giungiamo in vetta. Il percorso è stato molto faticoso ma non impossibile, anche per due come non noi di sicuro non allenate. Dalla vetta la vista è talmente incredibile che stentiamo a credere ai nostri occhi, suonata la campana, attesa l'alba scendiamo nuovamente a valle. Distrutte e stremate ci rinfreschiamo per poi ripartire alla volta di Nuwara Elya.
Cena e pernottamento a The Rock.


L'esperienza del treno è stata molto simpatica ed interessante. Pagate 65 rupie per un tragitto di più di 4 ore. Il treno è vecchissimo, con sole panche a sedere, senza vetri e con un misto di passeggeri veramente incredibile. Dopo la prima ora di viaggio eravamo già in amicizia con tutti i passeggeri, tranne una triste famiglia francese, tra chiacchiere e risate le ore sono volate in un poco. I paesaggi che ci scorrevano davanti erano veramente incantevoli ed il tutto è stato resto ancora più suggestivo da Piara, una bimba singalese di 8 anni elettasi nostra guida personale. La sua dolcezza e il suo sorriso resteranno per sempre nei nostri cuori.
Giunte a Ella, non contente della scalata del giorno precedente, ci siamo arrampicate su Piccolo Picco di Adamo, e anche qui il panorama ci ha lasciate letteralmente a bocca aperta.
A Ella abbiamo soggiornato a the View, il nome già la dice lunga sul posto, molto carino e pulitissimo.


Abbiamo soggiornato due giorni, ma vi consiglio di passarci anche una sola notte giusto il tempo di fare il Safari nello spettacolare Yala National Park, che merita tutto. Abbiamo avvistato leopardi, volatili di ogni genere, elefanti, coccodrilli a tanti altri animali.


Dopo 12 giorni di meraviglioso tour ci concediamo un meritato riposo in riva al mare diMirissa. Soggiorniamo al hotel Silan Mo, molto carino, pulito, letteralmente di fronte al mare. Lo staff con cui entriamo in confidenza è simpatico e disponibilissimo, dai ragazzi alla reception allo chef ai ragazzi della spiaggia. Questi tre giorni di mare sono stati splendidi, la spiaggia anche se un tantino ventosa offre un relax totale. La lunga e meravigliosa sabbia, l'acqua pulitissima, il rumore delle onde sono stati un tocca sano prima del rientro in Italia. La spiaggia è formata da vari ristoranti e stabilimenti che la sera si trasformano in discreti locali, dove degustare le fresche pietanze del mare e godersi da bere letteralmente immersi nell'acqua. I prezzi incredibilmente accessibilissimi!
Tristi ma cariche di voglia di tornare al più presto in questa splendida Terra salutiamo lo Sri Lanka portandoci dietro emozioni forti regalateci dalle splendide persone incontrare lungo tutto il viaggio, i profumi di una terra speziata, decisa, forte, i suoni della tradizione, i sapori di un tea mai assaporato prima e il contatto con un luogo entratoci nella pelle!
Grazie Sri Lanka, a prestissimo!

Notizie da Web...Turisti per Caso...

mercoledì 25 settembre 2013


Come Arrivare a Sigiriya

Si puo' arrivare a Sigiriya attraverso la stazione:

Per arrivare a Sigiriya l'aeroporto piu' comodo e' l' 
Aeroporto di Hingurakgoda 

situato non molto distante in direzione NE. Nel raggio di80Km da Sigiriya ci sono 

altri 4 aeroporti, che vengono riportati nella mappa degli aeroporti di Sigiriya 

Altri sistemi alternativi taxi, treno, e bus locali...

Il taxi è il mezzo più veloce e comodo per spostarsi in Sri Lanka, alternativi sono i 

bus, e se ne trovano in quantità e in tutte le ore ad un prezzo irrisorio, 1 ...2 ...euro

per tratta...particolare da non dimenticare le emozioni che ti può dare un tragitto

in bus con le persone locali... stessa cosa vale per i treni sia per i prezzi che 

per le emozioni del paesaggio e della gente...

Dalle stazioni ai siti archeologici ed Hotel, ci si muove con i caratteristici  TucTuc o con


Sigiriya è una massiccia formazione rocciosa di origine vulcanica che
 affiora solitaria nella pianura percorsa dalla statale A6 per Trincomalee,
 una ventina di km a nord di Dambulla,
Secondo la tradizione la rocca fu la residenza di Kassapa, un re visauto
 nel V secolo che aveva usurpato il trono macchiandosi di parricidio.
Prima di lui la rocca funse da eremo monastico.
Secondo un'altra versione gli affreschi che ne decorano i corridoi interni 
non raffigurerebbero cortigiane reali bensì diverse manifestazioni della 
divinità tantrica Tara.

Sigiriya, considerata da alcuni l'ottava meraviglia del mondo, è composta da un antico
 castello eretto da re Kasyapa 

Sigiriya contiene i resti del palazzo maggiore costruito sulla sommità piatta 
della collina, una terrazza di medio livello che comprende la Porta dei Leoni ed 
un muro con affreschi, il palazzo secondario che si arrampica sui pendii sotto la 
roccia, ed i fossati, le mura ed i giardini che si estendono per centinaia di metri
 oltre il bordo della roccia.

Il sito fungeva sia da palazzo sia da fortezza. I ruderi rimasti sono sufficienti per permettere ai turisti di restare stupefatti della semplicità ed allo stesso tempo della creatività dei suoi architetti.
Il palazzo maggiore situato sulla cima della roccia comprende delle cisterne
 tagliate nella roccia che contengono ancora acqua. I fossati e le mura che
 circondano il palazzo inferiore posseggono ancora una bellezza simile a quella originaria.

La roccia su cui sorge Sigiriya è composta da una dura placca magmatica eredità di 
un vulcano eroso. È in un luogo sopraelevato rispetto alle pianure circostanti, visibile
 per chilometri. La roccia si trova su una collina dai pendii scoscesi. L'altezza della 
collina è di 370 metri ed è a picco su tutti i lati. Ha una forma ellittica ed una 
sommità piatta che scende lentamente in direzione dell'asse lungo dell'ellisse.

Il Mahavansaya, i vecchi archivi storici dello Sri Lanka, descrive re Kashyapa come figlio 
di il re Dhatusena. Kasyapa uccise il padre murandolo vivo ed usurpandone il trono che, 
per diritto di successione, sarebbe spettato al fratello Mugallan, figlio avuto da Dhatusena 
con la vera regina. Mugallan fugg' in India per evitare la furia del fratello ma pensava ad 
una vendetta. durante il soggiorno in India racimolò un esercito con l'intento di tornare e 
riprendersi il trono dello Sri Lanka. Si dice che Kasyapa, a conoscenza delle intenzioni 
del fratello, fece costruire il suo palazzo sulla sommità della collina di Sigiriya con le 

sembianze contemporaneamente di fortezza e palazzo di piacere. Mogallana riuscì a
 raggiungere la città e gli dichiarò guerra. Durante la battaglia l'esercito di Kasyapa lo 
abbandonò ed egli si suicidòcon la propria spada. I racconti dell'epoca parlano di un 
elefante da battaglia su cui Kasyapa montò per raggiungere una posizione più favorevole
 per la battaglia; le truppe non capirono la mossa e pensarono ad una fuga del re. 
Moggallana riportò la capitale ad Anuradhapura e trasformò Sigiriya in un monastero.

Altre storie fanno risalire la costruzione a re Dhatusena, mentre Kasyapa avrebbe solo
 finito il lavoro in onore del padre. Altri ancora ritengono Kasyapa un re playboy, secondo
 questi studiosi Sigiriya sarebbe semplicemente stato un palazzo di piacere. Anche la 
morte di Kasyapa è piena di dubbi. In alcune versioni viene avvelenato da una concubina, 
in altre si taglia la gola quando viene abbandonato dall'esercito nel corso della battaglia finale.
I visitatori arrivano al fossato più esterno. Il percorso attraverso il complesso di fossati 
e giardini conduce ai piedi del pendio. Le scale in roccia partono dalla base del masso, 
arrotandosi attorno ai resti della parte inferiore del palazzo, e raggiungendo una terrazza 
che attraversa il lato corto della faccia della roccia. La roccia che si trova sopra a questa 
terrazza era un tempo decorata con affreschi, alcuni dei quali sono ancora visibili, 
nonostante la maggior parte sia andata perduta. Verso il fondo la terrazza si apre in un giardino.

Da questo punto ci si può arrampicare verso la cima della roccia utilizzando una 
moderna scala in acciaio che porta attraverso l'originale muro in mattoni, la Porta 
dei Leoni, ora ridotto ad un paio di zampe. I resti delle zampe sono quello che resta
 di un enorme testa di leone e delle quattro zampe, le cui fauci aperte fungevano 
da entrata per il palazzo reale. La strada continua attorno alle mura, lungo la salita,
 con una scala in ferro che sostituisce l'originale in mattoni, crollata con la testa del 
leone a 1400 anni dalla costruzione del palazzo.

Le scale terminano nel punto più alto della roccia, la parte superiore del palazzo scende
 gentilmente verso le rocce sul versante opposto. Le rovine del palazzo si elevano solo
 mezzo metro dalla roccia, ma il grande lavoro di scavo della roccia stessa è ancora ben visibile.
I dipinti potrebbero aver coperto buona parte della facciata della roccia, un'area
 lunga 140 metri ed alta 40. In una sua opera John Still parla di 500 donne raffigurate
 in quei dipinti. La maggior parte degli affreschi è persa per sempre, grattati via quando
 il palazzo divenne un monastero, al fine di non disturbare la meditazione.

Nell'aprile del 1982 presso il sito di Sigiriya è stato girato il video del singolo Save a Prayer dei Duran Duran.
Notizie da ricerca WEB...

venerdì 16 agosto 2013


Uscito nel 2009 da una lunga e sanguinosa guerra civile che ha divorato ingenti risorse finanziarie, costringendo molti dei suoi residenti a scegliere la via dell'emigrazione, il paese si sta dotando di infrastrutture turistiche di prim'ordine, grazie anche ad ambiziosi progetti governativi che mirano a fare di Sri Lanka, un concorrente della ben più rinomataThailandia.

Nonostante rimanga dubbia la possibilità per il paese di attrarre un così gran numero di turisti, conviene approffittarne per godersi una vacanza individuale a prezzi, tutto sommato, ancora irrisori.

Posta all'estremità meridionale del subcontinente Indiano, Sri Lanka ha una superficie è di 65,610 km², maggiore di Sicilia, Sardegna, Corsica e isole Baleari messe insieme.
Il suo territorio è per lo più pianeggiante ma al suo centro si trova un massiccio montuoso che culmina nei monti Pidurutalagala (2,524 m.) e nel picco di Adamo (2,243 m.). Dal massiccio centrale originano una ventina di fiumi dal corso breve e interrotto nel primo tratto da numerose cascate. Il paesaggio è molto vario e estremamente verde. Le zoneorientali sono però più aride e presentano le caratteristiche tipiche della savana. Questa differenza climatica si risolve in un privilegio per potenziali turisti potendo contare su un maggior numero di giornate di sole.

    Popolazione — La maggioranza della popolazione è costituita da genti cingalesi che parlano una lingua indo-aria evolutasi dal Pali, una lingua correlata al sanscrito. Professano la religione buddista nella forma theravada. I Tamil costituiscono una minoranza consistente, parlano una lingua dravida e professano l'induismo. Sono attestati soprattutto nel nord e nell'est del paese mentre i Cingalesi appaiono stanziati nelle province ad ovest e a sud. I musulmani, discendenti dai Mori dello Sri Lanka sono circa un milione. Costituiscono una minoranza ricca, dediti a lucrose attività commerciali. Con il termine "Burghers" si indicano invece individui derivanti dall'incrocio con i colonizzatori europei, soprattutto Portoghesi ed Olandesi. Il Cristianesimo nella forma cattolica è professato dall'8% della popolazione. Merito dell'intensa opera di proselitismo svolta dai Portoghesi che non esitarono a distruggere templi induisti e buddisti. Vani risultarono invece gli sforzi degli Olandesi di convertire i locali al protestantesimo.

Flora — Nell'isola sono state censite più di 3000 specie di fiori. L'orchidea cresce spontaneamente e si presenta in un migliaio di varietà. Le piantagioni di tè introdotte dai Britannici nel XIX secolo si sono progressivamente estese a discapito delle foreste che ammantavano i fianchi del massiccio centrale. Oggi ne rimangono pochi lembi, tra i quali i più interessanti sono la foresta di Sinharajae quella di Udawattekele nei pressi di Kandy. Entrambe le aeree costituiscono zone protette. Tra gli alberi molto diffusa è la palma da cocco (Cocus nocifera) che costituisce una specie di albero della vita. Tutto della pianta viene infatti sfruttato. Dalla polpa essiccata del cocco (copra) si ricava un olio che viene usato per friggere ma anche colle e saponi. Grattando la bianca polpa del frutto si ricava il latte di cocco che ha anch'esso impieghi culinari. La corteccia fornisce fibre per farne cordami, tappeti e addirittura scope. Il legno del tronco e le foglie sono impiegati per la costruzione di capanne e di barche. Dalla linfa estratta incidendo le infiorescenze si ricava per fermentazione una bevanda alcolica nota come Arrack o vino di palma. L'albero della Bodhi il cui nome scientifico è Ficus Religiosa, ha carattere sacro. Il più venerato di questi alberi si trova ad Anuradhapura. Secondo la credenza popolare si ritiene che sia germogliato da un seme dell'albero di Bodhi originale, all'ombra del quale Siddhartha Gautama conseguì l'illuminazione mentre era assorto in meditazione.

                                                                                                    Fauna — Scimmie, elefanti, zebu compongono la fauna locale. Quando in Europa cade l'inverno giungono a frotte nell'isola 400 specie di uccelli che si radunano sulle rive di laghi e lagune o in aree protette. La fauna marina è costituita da tartarughe, balene e delfini. Questi ultimi possono essere avvistati con maggior facilità tra febbraio e marzo nelle località di Trincomalee e Hambantota o, meglio ancora, nelle acque intorno al Great and Little Basses Reef, due formazioni coralline al largo della costa meridionale all'altezza delParco nazionale di Yala 


Quando andare

In linea di massima il miglior periodo per visitare il paese va da dicembre a marzo in corrispondenza della stagione asciutta. Gli alloggi, soprattutto quelli più modesti, registrano il tutto esaurito in corrispondenza dei più importanti festival religiosi del paese riportati più avanti. Gli alberghi più rinomati, invece, fanno il pieno di turisti occidentali in concomitanza delle vacanze natalizie. Sono in genere turisti che hanno sottoscritto un pacchetto tutto compreso, ragion per cui quanti viaggiano individualmente non troveranno posto negli alberghi di lusso o lo troveranno a prezzi maggiorati.
Secondo una minoranza la seconda quindicina di ottobre costituisce un buon periodo per una visita in quanto la vegetazione è al suo rigoglio grazie alle piogge appena cessate.
Il paese è sottoposto a un doppio regime monsonico:
1) Da metà maggio a ottobre spira il monsone dell'ovest portando con sé abbondanti piogge che trovano una barriera nel massiccio centrale.
2) Da dicembre e marzo spira un monsone molto più debole che investe soprattutto la costa orientale risparmiando quella occidentale grazie alla barriera rappresentata dal Massiccio centrale.
Le temperature non conoscono rilevanti escursioni annuali, trovandosi il paese una manciata di gradi più a nord dell'equatore. Se però si intendono visitare zone dell'altopiano centrale occorrerà mettere in valigia un capo impermeabile per difendersi dalle brume mattutine.
Il tempo è volubile a Sri Lanka e l'ombrello deve essere sempre a portata di mano. A questo proposito va detto che le piogge non sono mai continue, nemmeno durante la stagione monsonica e il sole non manca mai di fare capolino nell'arco della giornata.
Dati climatici
Giorni di pioggia76814191812111319128
Ore di sole667744456665
Media temp. giornaliere in C°303131313030292929292930